Ho'oponopono Cristiano

Ho'oponopono Cristiano (197)

Mercoledì, 23 Dicembre 2015 08:57

FIGLI ADOLESCENTI

Scritto da

Con oggi iniziano le vacanze natalizie. Finalmente possiamo rilassarci e goderci qualche giorno di meritato riposo ! Ma per chi è genitore, ed in particolare per le madri, il pensiero va sempre ai figli, a come vivono la scuola e la loro adolescenza. Vorremmo proteggerli, metterli sotto una campana di vetro, vederli felici. Il desiderio è sempre quello che condividessero i nostri valori, dimenticando che le loro ali si sono già aperte e che hanno già spiccato il volo. Il loro sistema di guida è attivo, spiritualmente sanno già dove si stanno dirigendo, ma la loro mente è confusa e spesso affrontano situazioni di disagio che esprimono attraverso manifestazioni estreme.

 

Così, oggi a scrivermi è una mamma, che mi parla della figlia adolescente: “Buongiorno Nicola, sono angosciata per mia figlia che ha problemi scolastici. Salta la scuola e quando fa così, con me diventa molto aggressiva. Cosa posso recitare per riportare la calma nel suo animo? Sono preoccupata dopo anni che combatto su questo fronte, senza miglioramenti sostanziali. Mia figlia ha diciasette anni, si è fatta il piercing e tatuaggi sul corpo. Vive la sua ribellione  che io sento come un disordine patologico. Nella sua pigrizia ha difficoltà a concentrarsi, rifiuta il modello materno troppo normale e manca di empatia verso i sacrifici dei genitori poiché paghiamo una scuola privata che per noi è troppo cara e in questo la sento priva di gratitudine”.

 

ragazza tatuata

 

Cara amica hai proprio una figlia tosta, ma le vostre anime si sono scelte in un patto d’amore dove vi siete dette: “Ti farò da figlia e ti metterò alla prova per vedere fino a che punto riuscirai ad amarmi” e tu grata per questa splendida opportunità hai accettato. Dunque cara amica la cura sarà per te, per il tuo modo di percepire, di sentire, di vivere. Se guairai dentro di te l’immagine che hai di lei,  avrai guarito anche molte delle ferite che porti. Dunque eccoti la cura. Recita il mantra in questo modo: “Creatore Divino, Creatrice Divina, Padre, Madre, Bambino nell’Uno, mi prendo la completa responsabilità dell’immagine che ho di mia figlia, per ogni pensiero, parola, fatto o azione che dall’inizio della mia creazione ad oggi ho espresso nei sui confronti e che ha generato in me dolore e sofferenza. Così osservandone in me le cause e le memorie che hanno prodotto tutto ciò, Creatore Divino, Creatrice Divina, Ti chiedo e dico Mi dispiace, Ti prego perdonami, Ti amo, Grazie”.

 

Cara amica non hai la più pallida idea cosa una figlia così ti stia insegnando, poiché tutto ciò che vedi in lei non esiste, esiste solo in te e nel tuo giudizio. Per i tuoi valori lei si pone agli antipodi, ma non è proprio questo l’amore assoluto ovvero saper accettare, amare e rispettare chi è diverso da noi ? Così ora puoi solo rimboccarti le maniche e farti un bel programmino di pulizia dove iniziare ad apprendere e praticare il non giudizio, l’amore assoluto e l’accettazione totale e incondizionata. Le scuole pubbliche per molti aspetti sono meravigliose palestre di vita: lascia tua figlia scendere in campo in questa palestra e godersi ogni raund. Quando lo riterrai opportuno frequenta un seminario di Ho-oponopono Cristiano, cambia la visione della vita, è garantito ! Auguroni allora di buon Natale e buona Vita !        

Sabato, 19 Dicembre 2015 15:38

IL VOSTRO AFFETTO

Scritto da

OGGI CONOSCO BENE LA MIA MISSIONE

 

Ciao Nicola, il tuo lavoro continua ad arrivarmi con molta delicatezza e continuo a trovare connessioni profonde con il buddismo che pratico da 20 anni. Ci siamo incontrati tempo fa. Oggi conosco bene il mio compito in questa vita e trovare punti di connessione, portare con semplicità conoscenze complesse, proiettare la preghiera oltre la religione, quale linguaggio universale per tutti è tra questi. Spero dunque con viva gioia che si crei la condizione affinché si riesca presto parlarsi a vivo sorriso. In queste date non riuscirei a raggiungerti poiché parto per ... , dove sono nata per visitare famiglia e amici ,mi sarebbe piaciuto molto fare l'esperienza che chiami, 'pulizia della memoria', conto dunque di viverla presto comunque. Intanto un caro saluto e un grazie di cuore.

 

Bambino5

LA GIOIA DEI BAMBINI

Caro Nicola non sai che grande regalo mi hai appena fatto! Ho visto ora un post che hai pubblicato sul lasciare esprimere la gioia ai bambini. Ho avuto una brutta esperienza in questo senso che mi ha molto segnata. Quando avevo circa 6 anni stavo esprimendo molta gioia per una cosa apparentemente banale e un fratello di mia madre mi ha schernita ridicolizzando la mia gioia. Sono rimasta profondamente offesa da questa sua malignità e ho sempre cercato di limitare le mie manifestazioni di gioia per evitare di rendermi ridicola (immagina cosa può essere successo alla mia autostima..). Comunque ora che ne sono più consapevole sto imparando ad esprimere nuovamente la mia gioia ed è molto bello perché alle persone piace vedermi felice. Un grande abbraccio e grazie ancora.

 

 

 

il negozio

 

LA GRATITUDINE FA BENE AL CUORE


Ciao Nicola voglio ringraziarti per la vostra ospitalità,genuina, calorosa e di cuore, tutto condito dall'allegria di Michele. Sono sempre stata più propensa a dare ad altri che a me stessa, non richiedevo di essere ricambiata, anche se il mio cuore inconsciamente era in attesa. Ieri ho ricevuto un Dono immenso che mi ha ripagata di tutto.Se la mia bambina interiore lo descrivesse direbbe aprendo completamente le braccia un dono grande così ". Ho compreso che il Dono che ho avuto da sempre ma mai compreso è che era ed è Dio ad aiutare attraverso me, e io poi ad essere aiutata attraverso altre persone, sempre diverse. Il suo aiuto cambia volto ma si manifesta sempre. Che magia la Vita! Il Dono grande è che ci ha sempre pensato Lui, ma solo adesso con profonda gratitudine lo comprendo. Ora riesco a vedere l'Arcobaleno e i suoi veri colori. Grazie di Cuore. Elisabetta.

 

BAMBINA FELICE

Sabato, 19 Dicembre 2015 07:14

CRESCERE I FIGLI

Scritto da

Caro Nicola, seguo da vari mesi i tuoi post sempre bellissimi, ma non ho mai commentato. Oggi però sento il bisogno di scriverti, perché sto vivendo dei sentimenti molto dolorosi, che riguardano la crescita dei figli. Credo che questo sentimento sia condiviso dalla maggioranza delle persone e che parlarne, specialmente se a farlo è una persona come te, possa fare più che bene. Il pretesto che ha fatto scatenare queste emozioni di solitudine, abbandono, freddo, è scoppiato ieri sera quando mio figlio di 6 anni ha voluto dormire in camera sua e non con me nel lettone come ha sempre fatto. E' naturale, lo so, ma io non riesco ad accettare che lui cresca e non sia più il mio cucciolo, che questo rapporto fusionale possa finire e degenerare in qualcosa di freddo e distaccato.

 

E parlandoti di me come mamma sto in realtà parlando principalmente di me bambina che ha vissuto come un trauma tutte le fasi della crescita. Sto parlando di quella bambina che fece un giuramento solenne, in cuor suo, alla mamma, dicendo che mai l'avrebbe lasciata e sarebbe stata per sempre la sua cucciola (il papà ahimè  era mancato prematuramente molto prima). Mia madre questo giuramento non lo ha mai chiesto, anzi è sempre stata molto distaccata nei sentimenti. Sono immersa in un tripudio di sensazioni molto deprimenti, e penso “amare costa molto caro, non avrei dovuto avere un figlio, stavo bene sola, autosufficiente, niente mi poteva ferire e scalfire, ora sono in balia degli altri, e soprattutto di qualcosa di più grande di me, l'inesorabilità del tempo, la forza prorompente del corso naturale delle cose”. Grazie e cari saluti.

 

CRESCERE I FIGLI

 

Cara amica, quanta tenerezza nel leggerti e rileggerti, quanto affetto e comprensione sento verso di te. Riecheggi in me note antiche, un cammino percorso ma sempre vivo. Ora, mentre fuori è ancora tutto buio, busso alle porte della Divinità. Ad accogliermi questa mattina è la Madre Celeste, la Madre Divina. L’argomento sono i figli che crescono e chi meglio di una Madre potrebbe comprendere cosa significa donare la libertà e incoraggiare ogni passo di tuo figlio? 

 

Ma forse si tratta molto di più: è un processo di responsabilità, scevro da ogni colpa, dove pulendoci e restituendo alla vita ciò che la vita ci ha donato, comprendiamo l’essenza vera della gioia. Vedi cara amica, tutte le cose di cui hai parlato alla fine della tua lettera (il prezzo elevato dell’amore, il rimproverarti per la cosa più bella che tu abbia fatto ossia partorire un figlio, isolarti nella tua solitudine e autosufficienza dove nulla ti poteva ferire e scalfire, piena di corazze verso il mondo esterno, e vittima dell'inesorabilità del tempo e della forza prorompente del corso naturale delle cose), altro non sono che il Velo di Maya delicatamente steso sulla tua coscienza, sulla tua anima, sulla tua consapevolezza.

 

E’ per questo che la Madre Divina silenziosamente è qui. Non vuole parlare alle tue orecchie, alla tua mente, ma al tuo cuore. Ascolta il suo messaggio: “Amata figlia, coltiva sempre in te la forma più elevata e pura di amore, quello che desidera per l’altro e per se stessi, la più grande felicità. Accorgiti che hai due figli da crescere: uno di sei anni che inizia a muovere i suoi primi passi verso la vita con straordinaria gioia e sicurezza, e l’altra è una bambina molto più piccola, che dal lettone non ne vuole proprio sapere di uscirne. Sii dolce e comprensiva con lei, sii tenera ed affettuosa. Lei rimarrà sempre con te anche quando tuo figlio sarà un uomo sposato. Ora ascolta, insegna a questa bambina la preghiera del Padre Nostro, insegnale l’amore, insegnale che tutti i cordoni di sofferenza che la legano al passato possono essere recisi, che come Bambina potrà entrare nella Casa del Padre e che lì per sempre vivrà la gioia più grande e la vera pace dell’Io”.

 

Madre Divina ascoltando queste tue parole comprendo che non stai rispondendo solo a questa tua figlia ma a tutti noi, che imprigioniamo i nostri figli in schiaccianti sensi di colpa, nelle catene dei rimorsi, e nel karma che si trasmette da generazione in generazione. Così oggi la strada da percorrere che ci indichi è diversa, è la via di un Ho-oponopono Cristiano dove riconoscere la perfezione di questa realtà come gli unici Creatori di ciò che ci circonda, i soli che la possono trasformare e pulire, fino ad essere per tutti quel reale Paradiso del quale la Divinità ci ha già offerto le chiavi.        

Mercoledì, 25 Novembre 2015 08:29

LA GIUSTA RICOMPENSA

Scritto da

Questa mattina cara/o amica/o, voglio donarti LA GIUSTA RICOMPENSA, un modo corretto di vivere PONO, con tutta la mia gratitudine per l'affetto con cui mi segui. Questo aricolo è tratta dal mio libro LASCIATI AMARE VIVI PONO Michael Edizioni.

 

Conosco il valore degli insegnamenti spirituali e garantisco cambiano la vita! È diffusa l’idea che ciò che appartiene allo spirito debba essere gratuito e in questo senso nel Vangelo si legge: “Gratuitamente hai ricevuto, gratuitamente dona”. In realtà nessun insegnamento è gratuito poiché poi viene chiarito: “Va vendi tutto ciò che hai, dallo ai poveri e seguimi”. In questo senso molte persone si sentono nell’impasse di questa dicotomia divina, così anch’io voglio trovare quel senso di equilibrio, il sapere che sto facendo la cosa giusta per me. Voglio godere della mia vita dedicandomi al mio cammino spirituale, alla mia crescita personale, all’aiuto verso il prossimo, avendo comunque abbondanza e prosperità nella mia vita. Si ogni operaio ha diritto alla sua mercede! Se questi due aspetti sono inconciliabili lo chiedo a Dio, bussando ancora alla sua porta.

 

ricompensa

 

Toc, toc… “Creatore Divino mi apri?” Lui sorride, la sua porta è sempre aperta, non c’è nemmeno bisogno di bussare, ma accetta questo mio gioco, questa mia modalità per sentirmi più connesso a Lui. “Dimmi figlio? In cosa vuoi conoscerti meglio nella domanda che mi poni questa mattina?” Il mio cuore ha già parlato, voglio pulire tutte le mie credenze limitanti quelle che non conciliano il cammino spirituale con il benessere, con la ricchezza e la prosperità. La comprensione che mi arriva da Lui è a 360°. La dicotomia è una qualità divina. Ogni opposto è riconducibile a Dio. In questo senso Dio mi chiede di fare la mia scelta. La mia risposta è il miglior bene per me stesso e per le altre persone. La gratitudine è sempre una forma di scambio che può manifestarsi anche con un riconoscimento economico. Ciò che uno può dare per quello che riceve può essere un semplice e immenso grazie o può anche essere un riconoscimento economico tangibile. “Valuta tu! Non da tutti riceverai allo stesso modo, ma riceverai sempre. Hai scelto una via di mezzo, i tuoi valori sono quelli di Francesco, ma la tua ricchezza è quella di Dio. Dio è amore ed è sempre la scelta migliore in ogni momento. Non curarti troppo di come avverrà questo scambio tra ciò che doni e ciò che ricevi perché in fondo quando doni ricevi sempre”.

 

Così realizzo di quanto tempo ho passato a lamentarmi a sentirmi frustrato perché pensavo di  dare troppo e non ricevere abbastanza. Ora sono consapevole di come sto pulendo tutte queste memorie: lasciare tutto per me significa abbandonare le mie memorie, le mie illusioni, rimettere tutto a Dio. Certo con Dio guadagno sempre ma anche pago. La mia forma di pagamento avviene attraverso un impegno costante nel pulire, ogni memoria, ogni credenza limitante, ogni sofferenza. Metto sempre il massimo impegno in tutto ciò che sto facendo e  cerco di fare tutto questo sempre ricolmo di gioia e gratitudine. Procederò nel mio cammino fatto di meravigliosi e incredibili doni da condividere con chiunque e ci sarà sempre abbondanza per tutti. Grazie, grazie, grazie.

Mercoledì, 18 Novembre 2015 07:33

UOMINI CHE AMANO TROPPO O TROPPO POCO ?

Scritto da

Un giovane uomo mi scrive: “Ciao Nicola, da quando avevo 15 anni mi sono innamorato di una ragazza. Avevo intenzione di sposarmi con lei. Ma non è andata bene, lei mi ha tradito. E io l’ho lasciata. Sono passati sei mesi e la rabbia e il dolore non sono ancora passati. Mi sento sempre arrabbiato e non sopporto più niente e nessuno. Lei ha provato tante volte a ritornare da me, però io non ce la faccio”.

 

VASILE

 

Mio caro e giovane amico, comprendo e accolgo la tua ferita, una ferita che brucia e che ti fa soffrire perché è ancora aperta. Mi chiedi un consiglio e volentieri te lo offro: impara il perdono, Come ben sai, noi tutti siamo divinamente imperfetti. Scegliamo nella vita quelle prove che ci fanno crescere e che fanno risplendere di più la nostra anima. Eccola qui tua imponente e meravigliosa montagna da scalare, fino a raggiungerne la vetta. Quella vetta sarà la morte del tuo ego. Ciò che ora sta soffrendo ora in te, è il tuo ego, il tuo orgoglio ferito. Per la tua giovane età, adesso ti dirò una cosa impegnativa da comprendere, dunque seguimi con attenzione. PERDONA PER EGOISMO !

 

Si hai capito bene, perdona per non portarti dentro la sofferenza, il dolore, la rabbia, il rimpianto. Un uomo non merita di vivere una vita con questi sentimenti dentro di sé ! Sono molto più pesanti del tradimento di una donna o di un altro essere umano. Dunque perdonando sarai un uomo libero e potrai riavvicinarti a lei o scegliere un’altra donna, ma in te risplenderà la libertà e la pulizia. Lo strumento che puoi utilizzare per pulirti è il ripetere incessantemente queste frasi: “Mi prendo la completa responsabilità dell’immagine che ho di me stesso, del tradimento che ho vissuto e della rabbia che provo, così come di ogni cosa mi disturba e osservandone le cause e le memorie che in me hanno generato e mantenuto tutto ciò, ti chiedo e dico mi dispiace, ti prego perdonami, ti amo, grazie”. Hai davanti a te una vita magnifica e ti meriti sempre il meglio: lo desideri ? Lo vuoi ? Se lo vuoi veramente PERDONA. Grazie.   

 

Martedì, 10 Novembre 2015 04:52

TRA I FILARI

Scritto da

Nel cuore della notte chiamano. E’ una voce quasi impercettibile: “Su alzati !”. Vorrei rimanere sotto le coperte, al dolce tepore, ma concordo. So che il lavoro da fare è moltissimo e che anch’io devo entrare nella vigna. Ne sono infinitamente grato, perché molti sono i grappoli maturi e tra i filari il profumo dell’uva ha dolci fragranze. Accendo il pc, la corrispondenza inevasa si è un po’ accumulata. Inizio a rispondere a chi mi sollecita e pazientemente ha saputo attendere la sua risposta.

Buongiorno carissimo Nicola, buona giornata. Ti voglio raccontare una mia esperienza: da quando sono con voi nel gruppo di Facebook la mia vita è cambiata molto. Ho letto qualche mese fa il libro Zero Limits che mi ha fatto capire tante cose. Da qualche tempo lavoro con una signora di settantasette anni, che da un po’ di tempo ha la mente che vive nel passato e nei suoi ricordi, dimenticandosi del presente. All’inizio sono andata per conoscerla ma mi rifiutava, non voleva una donna vicino. Era arrabbiata. Così ho usato queste parole: mi dispiace, perdonami,  grazie, ti amo. Ho preso appunti dal libro come faceva il dott Hew Len. Sinceramente è stata un po’ dura perché lei non mi voleva. Quando andavo non si ricordava che ero stata lì un’oretta prima. Non si ricordava quello che avevamo fatto cinque minuti prima.

Ora, da un po’ di tempo vedo un cambiamento in lei. Si ricorda che ci sono, si ricorda che vado. Mi dice che mi stava aspettando. Giochiamo a carte, lei si ricorda tutte le carte che ha preso. Sono felice per questa esperienza. Ti chiedo come comportarmi con lei. Ha perso il marito e il genero e spesso parla del marito dicendo ad esempio: “Devo preparare la cena che tra un po’ torna”. Dolcemente le ricordo che il marito è morto. Lei se ne rende conto e mi dice: “E’ vero, perché ogni tanto me ne scordo?????” E’ giusto che io la riporti alla realtà ? Grazieeeee grazieee grazieee. Mi piacerebbe partecipare al tuo seminario appena posso. Grazie per la tua disponibilita' ! Un abbraccio. Per me sei speciale, Sei entrato nella mia vita per riportami alla vita. Dico sempre grazie per questo dono che viene dall’alto. Ancora una cosa: purtroppo un altro dolore mi ha colpito. Ho perso mio figlio in un incidente stradale. Ho letto la frase che hai scritto ieri mattina.  Volevo chiederti un aiuto se puoi: “Come posso aiutare gli altri due figli e me stessa ad andare avanti?”. Grazie grazie, un abbraccio.

uva1

Cara amica, entra con me nella Vigna, è un luogo di servizio e dove c’è servizio, da sempre regna la gioia. Cammineremo tra i filari, osservando magnifici grappoli d’uva. Tanti acini uniti in un solo grappolo. E’ la nostra famiglia, siamo noi. E tutti questi grappoli crescono dalla stessa pianta, da un’unica vite, così come questa vite appartiene alla stessa vigna. L’uva matura perché la Luce Divina, i caldi raggi del Sole, la portano a maturazione e quando è pronta, profuma tutta l’aria. Così cara amica sii felice se ora un tuo figlio vive con il Padre. Ma se tu sei ancora un acino di quel grappolo onora questo grande dono. Come vignaiola prenditi cura dell’intera vigna: ogni acino è un tuo figlio e fratello, così come tu stessa, in qualità di acino, sei figlia di Dio. Che cosa da valore alla vita? IL SERVIZIO.

Guardare questi meravigliosi acini che stanno per maturare. Ognuno di loro sta per esprimere tutta la sua potenzialità, il suo profumo, il suo aroma. E tu dolcemente, con un panno bagnato passa grappolo dopo grappolo, affinché siano tutti puliti e lavati, questo è il servizio nella vigna di Dio. Questo darà sapore alla tua vita. Questo ti permetterà di sentire come la tua famiglia non sia composta solo da chi è nato dal tuo grembo, ma tutti gli acini del grappolo, da tutti i grappoli della vite, da tutte le piante di vite della vigna. Quando scegli come valore la vita lo scegli per l’intera umanità, per tutti i tuoi figli. C’è molto lavoro da fare, proprio lì dove ti trovi ora, esattamente nel tuo posto. Accudendo una persona anziana, un figlio che cresce, accudendo e nutrendo te stessa onori la vita e Dio riverserà su di te le Sue benedizioni. Buona Vita !  

Ecco una domanda che mi è stata posta molte volte ed è giusto, a mamo a mano che cresce l’interesse verso l’Ho-oponopono Cristiano, rispondervi ancora. Come per ogni spiegazione è corretto porre delle premesse per poi addentrarsi nel cuore della risposta. Per comprendere l’Ho-oponopono Cristiano è necessario comprendere l’Ho-oponopono di Mornnah Simeona quell’Ho-oponopono da lei chiamato Self I-dentity trouth Ho-oponopono e comunemente abbreviato in SITH.

 

Ecco allora le premesse: la cultura hawaiana da sempre ha espresso il suo anelito verso il divino e verso il sacro. “Io” era la parola utilizzata dagli hawaiani per definire la Divinità. Questa parola era ritenuta sacra ed inviolabile, tanto da non poter nemmeno essere pronunciata.  Morrnah invece la pone come seconda lettera dell’acronimo SITH, ad indicare che il percorso verso la conoscenza divina va intrapreso interiormente, ciascuno nel proprio Sé, là dove troveremo la nostra stessa Essenza Divina ad attenderci. Ingenuità e stupore ci sorprenderanno per tutto il tempo dedicato a ricercare esternamente qualcosa che era già dentro di noi. Dunque il principio divino è rappresentato dalla lettera “I” che sapientemente Mornnah stacca con un trattino nella parola Identità, I-dentity per esprimere con estrema chiarezza che ognuno è Dio dentro di sé e che la ricerca deve iniziare da dentro. Fin da bambina Morrnah Simeona fu influenzata dalla sua educazione cattolica e protestante. Ugualmente importanti furono per lei anche gli studi sull’induismo. Come guaritrice, sciamana e guida spirituale del suo popolo, Morrnah raccolse un’eredità basata su secoli e secoli di tradizioni politeistiche. Un panteon di divinità estremamente numeroso legate al mondo della natura e delle tradizioni ancestrali.

 

Così anche l’Ho-oponopono era un sistema perfettamente collaudato da secoli e secoli, dove le conflittualità sociali, familiari e personali, venivano gestite e risolte dallo sciamano-sacerdote che mediava l’intero processo di risoluzione del conflitto.  Morrnah traghettò questo splendido strumento, tipico della cultura kahuna, con tutto il suo popolo, in un sistema estremamente efficace e in linea con i tempi moderni. Fuse in esso tutte le intuizioni dei padri della psicologia occidentale da Freud a Jung e i valori cristici di cui si era nutrita. Morrnah realizzò questa operazione grazie alla straordinaria rivelazione di un Dio Unico. A questo Dio lei rivolge la purezza di preghiere che diventano incanti per l’anima, e da questo Dio riceve straordinari doni di guarigione.

 

Tutti noi riconosciamo la forza e la potenza di questa rivelazione in ogni preghiera di Mornnah che inizia sempre con l’invocazione “Creatore Divino, Padre, Madre e Bambino nell’Uno…”. Così a voler cancellare ogni dubbio, anche nelle menti più restie, sulla matrice cristica dell’Ho-oponopono di Morrnah Simeona, seguitemi tra i versetti del Vangelo di Giovanni: “Vi lascio la mia pace, di do la mia pace; ve la do, non come la dà il mondo. Non si turbi il vostro cuore, ne si spaventi” (Gv 14, 27). Leggete ora le parole di Morrnah Simeona nel suo Advanced Self I-Dentity Ho’oponopono: “La pace sia con te tutta la mia pace, la pace che è l’ “Io”, la pace che è l’ “Io” sono. La pace per sempre, adesso, in ogni occasione ed eternamente. La mia Pace “Io” do a te, la mia pace “Io” lascio con te. Non la pace del mondo ma solo la mia pace. La pace dell’Io.                

                                            

Ecco allora cosa Morrnah Simeona ha lasciato in dono all’intera umanità: un processo di guarigione intrapersonale, realizzato in dodici passi. Essi comprendono tecniche di respiro, preghiere, meditazioni, visualizzazioni di colori e il taglio dei cordoni energetici che si creano nei rapporti interpersonali che depauperano e frantumano l’energia individuale nella rabbia, nella paura e in ogni altra emozione devastante.

Chi frequenta i seminari del SITH si prende l’impegno non divulgare il materiale e gli insegnamenti che riceve. Rispettando questo impegno che mi sono preso, lo faccio anch’io. Divulgo quindi solo le cose che sono pubblicate ovunque su riviste, libri, giornali e siti, lasciando il cuore dei dodici passi agli istruttori formati e riconosciuti dalla Fondazione dell’Io, quella fondazione creata da Morrnah Simeona per diffondere l’Ho-oponopono nel mondo.   

 

Che cos’è all’ora l’Ho-oponopono Cristiano?  E’ la risposta che ha saputo dare il mio cuore alla richiesta che ho ricevuto dalla Divinità di essere a mia volta un messaggero dell’IO, l’avanguardia di una nuova consapevolezza. “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”. (Gv. 14-6) Così l’Ho-oponopono Cristiano è nato come la via della preghiera. Una via da percorrere in silenzio, basata sugli stessi valori del SITH ovvero valori cristici: il perdono, la riconciliazione, l’amore assoluto e incondizionato, la gratitudine e la pace.

 

francesco damore

 

Qui enfatizzerei un aspetto dell’Ho-oponopono Cristiano che nel SITH non si trova così evidente: il servizio. Si quel servizio verso il prossimo così caro a Gesù, a fratello Francesco e a Madre Teresa. Un servizio che mi ha portato a prendere la decisione di offrire i miei seminari gratuitamente e con il cuore ricolmo di gioia, una gioia condivisa, perché chi li organizza mi offre sempre l’ospitalità e l’amore della sua Casa. Ogni Casa quando viene condivisa risplende sempre di amore infinito.

 

Cosa riceve allora chi frequenta un seminario di Ho-oponopono Cristiano? Riceve la conoscenza di 12 passi basati sulle preghiere di fratello Francesco d’Assisi, di don Dolindo e  su preghiere scritte da me. Apprende ad utilizzare i raggi angelici come forma di guarigione spirituale e ad affidare ogni preoccupazione a Dio e a Gesù, recitando il mantra Gesù pensaci Tu, confido in Te, ti amo, grazie. Penso che chi in questi anni ha imparato a conoscermi ed apprezzarmi, possa testimoniare cosa gli ho trasmesso in un seminario. A me ora la Divinità chiede solo di fare silenzio e continuare la mia opera. Gratitudine a tutti voi che mi avete letto fino alla fine. Siete sempre nel mio cuore, vi amo.   

Martedì, 03 Novembre 2015 06:49

UNA STORIA DOLCISSIMA

Scritto da

Sono passati due anni, mi rivedo come ero allora confusa disperata e persa in un mare in tempesta. In balia degli eventi. In quel periodo sentivo scorrere via la vita da me. Volevo trattenerla in qualche modo ma ormai avere un figlio era fuori discussione. Anche se ad ogni ritardo mensile nel mio cuore rinasceva la speranza per poi svanire facendomi rivedere la realtà. Presa da questi piccoli e continui traumi sentivo di aver bisogno di una novità nella mia vita. Avevo già un cagnolino che amavo enormemente e così decisi di prendere il secondo.

Mi sono rivolta ai canili, volevo, dovevo salvarne uno. Così incontrai Margot.

 

Margot


Non aveva nulla del cane che cercavo. Ascoltai la sua storia: 2 anni da randagia e 5 rinchiusa in un canile lager.
Mi accucciai per accarezzala e lei, pur spaventatissima, mi sfiora il braccio con la sua zampina. Mi bastó per portarla a casa. Ma il lieto fine è nelle favole e non era certo la prassi nella mia vita prima dell'Ho'oponopono.
Margot portata a casa evidenzia gravi disturbi comportamentali causati dalle privazioni sensoriali.
Non conosce nulla del mondo esterno, ha paura degli uomini ed è terrorizzata dai rumori improvvisi. Portarla a spasso è un impresa. Sono caduta svariate volte a causa dei suoi scatti repentini. Diventó aggressiva verso il mio piccolo Nasdaq. Insomma tra le lacrime chiamai la volontaria e le dissi di portarla via che non ce la facevo.

 

Per fortuna lei insiste dice prova qualche settimana, una mia cara amica insiste devi tenerla cambierà, le mie sorelle tienila cambierà, la comportamentista diceva cambierà! Io soffrivo e odiavo questo cane è quello che rappresentava: una mia ennesima sconfitta. Poi qualcosa successe!


Arrivò l'Ho'oponopono Cristiano e gli insegnamenti di Nicola Rachello.
Iniziai tutte le mattine ringraziando: cantavo il mantra e accarezzavo Margot. Ormai lei appena sentiva le prime note si girava pancia all'aria per farsi accarezzare. Ci guardavamo negli occhi e l'amore cominciò a fluire fra noi. Ci perdonavamo a vicenda ogni giorno per gli "errori" nelle passeggiate. Lei meravigliosamente migliorava ogni giorno.
Vi direte che sarebbe migliorata lo stesso anche senza il mantra. Si forse si ma qui la domanda è: io sarei migliorata? Ero io che dovevo guarire e Margot era l'ennesimo messaggio.


Ora dopo due anni lei è ancora timida con gli estranei ma è un cane in continua crescita. Ci amiamo profondamente. Dopo l'ultimo seminario ho compreso che è possibile cancellare le memorie traumatiche anche negli animali. Mentre l'accarezzo recito il mantra e ripeto "cancella" . Le ripeto "sei a casa non avere più paura ci sono io a proteggerti".
Quando lo faccio sento che sono parole rivolte anche alla mia bambina interiore " sei a casa, sei mia, ti amo, non aver paura" e ogni carezza sul mio cane è una carezza a me stessa e alla mia bambina.
Cara Margot insieme guariremo ormai è certo!
Grazie, grazie sempre per la lettura by Marsc.

Domenica, 25 Ottobre 2015 08:22

EMOZIONI E SENTIMENTI

Scritto da

Ciao Nicola, forse ho bisogno del tuo aiuto per sciogliere qualcosa che mi impedisce di essere felice. Ho un dolore che forse mi porto dietro da altre vite che mi impedisce di legarmi a qualcuno o peggio impedisce all'altra persona di avvicinarsi a me. Ho lasciato una persona dopo cinque anni e sono stata lasciata da un'altra persona dopo 11 anni. Sono passati cinque anni da allora. Ho provato attrazione reciproca con altri uomini ma senza concretizzare. Ho un blocco e blocco loro. Chi è in contatto con entità di luce mi ha detto che devo imparare a stare bene da sola. Ma non ci riesco. Io starei bene da sola se non ci fosse questo dolore che sento. Questa sofferenza è come un peso e non so da dove viene.

bambina2

Cara amica vediamo cosa possa fare per te, in questa splendida domenica mattina ! Le linee sono ancora tutte libere perché nella nostra dimensione tutti dormono, dunque collegarsi sarà molto facile. Aspetta cerco il suo numero, eccolo ! Digito rapidamente i numeri, qualche istante di attesa…, lo sapevo suona libero ! Padre mio anche tu apprezzi l’alba vero? “Si, ogni momento della giornata regala emozioni uniche, istanti di incomparabile bellezza. Sono sodisfatto di tutto ciò che ho creato !”. Padre mio ancora una volta il tema è l’amore cosa puoi rispondere? “Unisciti a me ed entra nella consapevolezza del mio Spirito, così potrai comprendere meglio il significato delle parole che userò. Di volta in volta ti sarà più facile elevare la tua vibrazione e potrai insegnarlo anche alle persone che si rivolgono a te. Sai benissimo che dalla tua parte del velo tutto è illusione, perché l’insegnamento che vi apprestate ad imparare è quello dell’amore e in questo siete molto fortunati perché non esiste insegnamento più bello, più grande, più elevato. Volete sentirvi amati, tutti, nessuno escluso, e volete sentire questo amore nel corpo, nella vostra mente in ogni parte di voi ed è sempre la strada giusta. Continuate a permettere all’amore di espandersi, di esprimersi nella sua semplicità, dal sorriso che illumina l’anima, alla carezza che sfiora il cuore e lo fa poi palpitare. Cosa vi manca ancora in questa comprensione?

La capacità di rimanere flessibili. Quando risuonate in un’emozione e questa vi piace, volete subito bloccarla in voi, appropriarvene.  Così avviene un processo che è una sorta di cristallizzazione. L’amore ha come scopo di essere donato, non trattenuto”. Ammetto Padre la mia difficoltà a seguire un respiro così ampio, un pensiero così libero. Dove ci porterebbe tutto questo? “Figlio mio è proprio questo il punto. Usate i sentimenti e le emozioni come se fossero vostre proprietà, cristallizzandoli, e in questo non vi accorgete che si cristallizza anche il vostro ego. Rileggi le parole della tua amica, vive l’amore come qualcosa che lega, che stringe e soffoca, la stessa identica struttura dell’ego, che invece di donare lega e imprigiona. Essere liberi nei sentimenti e nelle emozioni vi condurrà ad essere più trasparenti, più sinceri, più puliti. Come figli tutti voi siete immensamente amati. Sempre tra di voi ci sono i miei messaggeri, i miei angeli, le mie voci che da sempre vi ripetono gli stessi insegnamenti. Non costruite chiese di mattoni, costruitele dentro di voi di puro amore. Allora e solo allora saprete accogliere il mio messaggio e farlo risuonare in tutto il cosmo”. Sia fatta la tua volontà Padre mio. Aspetto nella gioia i tuoi prossimi insegnamenti e mi libero da tutto ciò che da sempre ho trattenuto in me ! E così è ! Grazie.          

Giovedì, 22 Ottobre 2015 16:51

FUOCO SACRO

Scritto da

Buonasera Nicola, mi rivolgo a te per chiederti consiglio. Recito il mantra tutti i giorni in qualsiasi momento e nonostante questo ho qualche problema sul lavoro (dirigo un negozio con trenta dipendenti che ultimamente non vanno d’accordo, con tutte le conseguenze che ne derivano). Mi sembra di non esser più capace di fare quello che da quasi trent’anni sto facendo. Così mi sto mettendo molto in discussione e rifletto. Poi dal lato sentimentale mi fa tribolare una persona che dopo 7 anni è tornata a cercarmi  e ora per motivi a me francamente incomprensibili, e in modo discutibile, è risparita senza alcuna spiegazione logica. Questa cosa fa star male, molto male ! Grazie ancora di cuore, aspetto i tuoi preziosi consigli.

 

Ed ecco cara amica ciò che stavi aspettando. Se saranno consigli realmente preziosi o meno, dipenderà da quanto saprai riceverli con cuore aperto, e applicarli con amore. Ma il tuo intuito non si sbaglia sono consigli importanti, perché cambiando il tuo punto di vista cambierà completamente la percezione della realtà che hai creato. Vivere l’Ho-oponopono significa riconoscersi creatori della propria realtà e assumersene completamente la responsabilità, cioè la consapevolezza che tutto ha origine nel pensiero e nella modalità con cui lo conduciamo. Dunque tanto in amore quanto sul lavoro non lasciare andare la tua mente a briglie sciolte, ma conducila tu nell’esercizio della disciplina spirituale. Eccoti il modo corretto di recitare il mantra.

 

Ripeti incessantemente: “Mi prendo la completa responsabilità dell’immagine che ho di me stessa, del mio lavoro e di ogni situazione che in esso vivo, della mia affettività, delle mie relazioni sentimentali e di tutto ciò che creo. Osservandone le cause e le memorie che in me l’hanno generata e mantenuta nel tempo, ti chiedo e dico mi dispiace, ti prego perdonami, ti amo, grazie”. Cara amica sono sicuro che sei una bellissima persona e che hai creato questo momento per uscirne rafforzata con nuove consapevolezze e con una capacità maggiore di affrontare e gestire la tua vita. A volte capita che nel percorso semplicemente ci addormentiamo.

 

Per questo Francesco nel suo splendido Cantico delle Creature rivolgendosi a Dio così prega:

 

Lodato sii, mio buon Signore, per la possanza di nostro Frate Fuoco, che illumina e riscalda ogni nostra notte. Per mezzo suo, Tu bruci in noi ciò che va bruciato, le nostre paure e il nostro orgoglio. Per mezzo suo ci insegni la nobiltà e la fierezza di essere Tuoi figli, e la ribellione dinnanzi al sonno che ci coglie”.

 

FUOCO SACRO

 

 

Cara amica, cara Figlia della Luce, risvegliati, e lascia bruciare quel fuoco sacro che arde dentro di te, perché la Divinità ti sta chiamando. Grazie. 

Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Nessun dato verrà storicizzato in essi.

  Clicca su accetta per proseguire.