Ho'oponopono Cristiano

Ho'oponopono Cristiano (193)

Mercoledì, 13 Aprile 2016 20:49

HO BISOGNO DI CAPIRE

Scritto da

Ecco una domanda precisa: “Ho bisogno di capire come star bene nonostante il vuoto e le delusioni che continuo a ricevere. Voglio capire perché non riesco a essere serena e felice, anche solo serena”.

 

Che delusioni ricevi e che tipo di vuoto percepisci ?

 

“Vuoto, come se non provassi più sentimenti. Delusioni su ogni fronte: di me stessa, al lavoro, gli amici, la famiglia, l’amore. Non sento di amarmi perché non ne sono capace e spesso mi sento così anche con le persone che mi ‘appartengono’, dico così perché non trovo un’altra parola che può avvicinarsi al provare amore o affetto. Mi sento apatica”.

 

Ascolterò cosa arriva per te e ti risponderò presto. Grazie.

 

“In che senso scusa? Un’amica mi ha detto che potevi aiutarmi ma non so come potresti. Mi puoi spiegare?”.

 

Normalmente le persone mi scrivono e io rispondo loro quello che risuona nel mio cuore !

 

“Sei un sensitivo?”.

 

Uso come strumento l'ho-oponopono. Ti spiegherò tutto.

 

Sono passati un paio di giorni e ancora mi risuona dentro questa frase: “Ho bisogno di capire, ho bisogno di capire…”. Mi chiedo amica mia dove ci siamo persi, dove abbiamo smesso di amare e perché. E’ molto forte il tuo desiderio di rimettere ordine, fare pulizia dentro di te, risistemare il tuo grande armadio dove gonne, camice e maglioni sono stati gettati alla rinfusa. In ogni cammino umano amica mia capita di perdersi. Ma quando capita nelle relazioni affettive, quando capita di perdere la serenità in famiglia, nel lavoro e con gli amici, è il momento di fermarsi un attimo per fare il punto della situazione.

 

respiro blu

 

I vasi sono sempre comunicanti. Parti da te stessa e inizia a portare ordine dentro di te ricentrandoti, ritrovando le tue radici. Inizia con semplici tecniche di respiro. Il respiro ti darà serenità nelle emozioni, ti radicherà alla terra facendoti sentire come in esso tutto si calma, tutto si arrende. Proverai sensazioni nuove. Ti sembrerà, e sarà così realmente, che ansia, tristezza e malinconia scivolino fuori dal tuo mondo. Avrai voglia di passeggiare in mezzo alla natura con i nuovi amici che ti sarai fatta e il tuo respiro, giorno dopo giorno, diventerà sempre più calmo e rilassato.

 

Lasciati fluire, non c’è nulla che ti impedisce di respirare. Dal modo in cui respiri dipende come gestisci le emozioni che vivi. Più sei connessa al tuo respiro, più sei tranquilla e serena e più la vita scorre come un lungo fiume tranquillo che sfocerà in un mare d’amore. Ogni insegnamento va dato e ricevuto nella gradualità. Amica mia non voglio riempirti di tanti concetti che poi ti riempirebbero la testa di domande. E’ vero, ti ho detto che ti avrei spiegato tutto e se avrai pazienza apprenderemo insieme ogni passo. Così per te il primo sarà il respiro. Siediti, tieni la colonna vertebrale dritta e chiudi gli occhi.

 

Segui il tuo respiro e nell’inspirazione conta da uno a sette. Poi trattieni il respiro, contando ancora da uno a sette. Espira contando da uno a sette e ancora trattieni il respiro contando da uno a sette. Tieni le mani sotto l’ombelico e unisci i polpastrelli di pollice, indice e medio della mano sinistra e infila il pollice della mano destra tra le dita della mano sinistra unendo ancora una volta i polpastrelli della mano destra. Avrai formato tra le due mani il simbolo dell’infinito.

 

Rimanendo in questa posizione, dedica ogni mattino una mezzora al respiro. Ecco allora i vasi comunicanti. Ogni giorno sarai più serena del giorno precedente e oltre ad essere più centrata noterai un miglioramento nei tuoi rapporti in famiglia, con gli amici, al lavoro e nell’amore. Ma ricorda questa è la prima lezione. Seguimi c’è molto da imparare.    

Martedì, 12 Aprile 2016 18:06

NON CAPITA TUTTI I GIORNI CHE

Scritto da

Non capita tutti i giorni che un amico che stimo e ringrazio infinitamente, il grande maestro Giovanni Nuti, mi chieda di scrivere un articolo per la sua pagina di Ho-oponopono di Facebook. Così ho lasciato trascorrere qualche giorno, pensando a cosa avrei voluto comunicare a voi che oggi mi leggete e finalmente mi sono messo a scrivere.

 

Da qualche anno mi occupo di Ho-oponopono, una splendida metodologia di pulizia delle memorie dell’inconscio. Per le persone a cui risultasse nuova questa parola potremmo parafrasarla spiegando che significa “percependo il perfetto, creo la mia realtà”. Eh sì, creo sempre la mia realtà, la mia vita e tutti i fatti prodigiosi che in essa si manifestano. Forse qualcuno di voi lettori ancora non mi conosce, per questo mi presento.

 

Nic

Mi sono laureato in Lingue e Letterature straniere e tutt’oggi insegno presso un Istituto Superiore di Istruzione Secondaria a Venezia, ma non lingue, bensì una materia professionale. Nel 2004 ho conseguito un attestato di qualifica professionale della regione Veneto in tecniche di massaggio orientale, ma già da diversi anni, conoscevo e praticavo il massaggio hawaiano .

 

Quando ho conosciuto l’Ho’oponopono, nel 2008 circa, ho sentito come un tuffo al cuore, un richiamo fortissimo per la mia anima. Sapevo che questa volta non mi sbagliavo, ero ad un giro di boa nella mia vita.  Nel 2010 ho pubblicato “Spiritualità, Sessualità e Massaggio. Allinearsi alla Fonte con gioia nell’antica arte del Massaggio Hawaiano”.

 

Il mio secondo libro pubblicato nel marzo del 2013 è stato “Ho’oponopono il mantra dell’amore”, un tributo a Morrnah Simeona che con infinità sensibilità aveva traghettato la spiritualità politeistica dell’arcipelago hawaiano verso la comprensione di una Divinità Unica, quel Dio che è amore e dal quale tutti noi ci sentiamo accolti e amati.

 

Nel mio terzo libro, uscito a dicembre 2013, Ho’oponopono Cristiano un solo insegnamento l’amore  ho ricercato e trovato nelle radici cristiche l’origine del messaggio d’amore dell’Ho’oponopono di Morrnah Simeona. Le parole di Gesù i suoi insegnamenti, il suo messaggio di pace, amore e perdono, traspaiono in molti punti dell’opera stessa di Morrnah Simeona.

 

A marzo 2015 ho pubblicato Lasciati amare: vivi pono. Manuale pratico per ricercatori spirituali. Un percorso più introspettivo, più intimo, nato sulle risposte date ai messaggi ricevuti in un anno e mezzo di corrispondenza sui social, ma anche e soprattutto dai miei dialoghi quotidiani con Dio, dove ho appreso che una risposta giunge sempre: consolatoria, liberatoria e soprattutto d’amore. Nella seconda parte il libro si presenta come un manuale ricco di preghiere, meditazioni, mantra, simboli e strumenti di pulizia in linea con la tradizione dell’Ho-oponopono di Morrnah Simeona e del dottor Hew Len.

 

Il 20 maggio 2015 assieme ad altri sette amici ci siamo costituiti in associazione: l’Associazione di promozione sociale Ho’oponopono Cristiano che oggi conta quasi duecento iscritti. Come associazione stiamo realizzando per la giornata del 2 ottobre 2016 il 1° Convegno Nazionale di Ho-oponopono a Conegliano con la partecipazione prestigiosa di ospiti quali lo stesso maestro Giovanni Nuti, Piergiorgio Caselli, Maria Grazia Bambini, Riccardo Sardonè, Roberta Righetti, Barbara Zoletto e Giovi Stagi. Un’iniziativa di solidarietà in quanto tutto il ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficienza all’ONLUS IL NESPOLO CASA GRANDE fondata da Adriana Rindi. Questa onlus ha già costruito scuole ed ospedali in cinque paesi del mondo e si occupa prevalentemente di opere per l’infanzia.

 

Tornando ora all’Ho’oponopono vi voglio dire come lo considero. Per me è come l’apprendimento della pesca: ti permette di avere sempre pesce fresco a disposizione, senza dover dipendere dal pesce pescato da altri. In altre parole è una scuola di vita, dove si apprende quello che genitori, maestri e insegnanti non ci hanno mai insegnato: l’arte di vivere. Non ce l’hanno mai insegnato non per cattiva fede, ma perché anche a loro nessuno l’ha mai insegnato. Con noi, hanno cercato in qualche modo di fare del loro meglio, per questo vanno compresi. Vivere bene, nella pienezza della gioia, significa vivere pono e per vivere pono è necessario cancellare dal nostro bambino interiore tutte le ferite e le tracce dolorose che porta nell’anima.

 

Dunque ecco che cos’è l’Ho-oponopono: è questa metodologia pratica che pulisce e fa risplendere nella felicità ogni persona, liberandola completamente  dal suo passato. Personalmente definisco l’Ho-oponopono come una tecnologia dello spirito. Preziosissimi sono gli strumenti che mette a nostra disposizione per pulire: tecniche di meditazione, bellissime preghiere che sono incanti per l’anima, l’uso di mantra che rappresentano tradizioni millenarie e un’infinità di altre cose da scoprire. Nella mia personale esperienza di ricerca nel cammino spirituale, con l’Ho-oponopono, finalmente, per la prima volta nella vita mi sono arrivate le risposte alle domande che mi ponevo. Ora auguro anche ad ognuno di voi la comprensione e la pace dell’Io.      

Mercoledì, 06 Aprile 2016 01:13

IN CERCA DI MIO FIGLIO

Scritto da

 

Ciao Nicola, scusa ma devo sfogare la mia amarezza. Oggi pomeriggio anche con un piede ingessato e anche se era il giorno del mio compleanno ho deciso di andare a cercare mio figlio. Una persona lo aveva visto in città e mi ha detto dove lo aveva visto, così ho tentato il viaggio. Mi sono fatta accompagnare da mia sorella e da mia figlia. Anche infortunata ho camminato alla sua ricerca. Ci siamo dirette subito dove mi avevo detto di averlo visto. Un tonfo al cuore.

Era seduto a terra con addosso abiti non suoi, una coperta, barba lunga, sporco e magro. Dormiva appoggiato al muro. Mi sono avvicinata a lui tremante. L'ho scosso per svegliarlo. Subito sorpreso, ma dopo molto arrabbiato. Diceva che non sarebbe tornato a casa perché tanto non aveva più voglia di starsene rinchiuso senza soldi e senza mangiare. Non so cosa pretenda ! Vorrebbe vedere il frigo pieno, avere i soldi per le sigarette che comunque gli ho sempre dato e chissà quale altro confort.

Ho cercato di convincerlo a tornare a casa perché non è dignitoso vivere come un barbone. Lui ha due figli e rischia grosso. Non ha voluto saperne. Mi ha insultato. Urlava con gli occhi da demonio. Così ho chiamato il 118.  Non lo hanno però ricoverato perché lui si è rifiutato e quindi non potevano farlo. Dopo alcuni minuti gli ha parlato mia sorella che è riuscita a convincerlo, così siamo partiti alla volta di casa. Arrivati a casa mi ha attaccata di nuovo come in città con occhi sbarrati, urla e  insulti.

Non posso più rovinarmi la salute così. Domani prenderò provvedimenti con i carabinieri. Non posso più aprire la porta e continuare a vivere con paura e angoscia poiché temo i suoi attacchi di follia. Si deve curare altrimenti lo cancelliamo dalla nostra vita. Io sento di aver bisogno di consigli per non farmi più sensi di colpa. Non riesco più a vivere serena. Come posso fare per tutelare anche mia figlia che oggi è stata malissimo per il suo comportamento ? Anche lei è stata attaccata in malo modo quasi mettendole le mani addosso. Grazie di tutto anticipatamente un abbraccio e spero di conoscerti presto.

SIRINGA

E da parecchie settimane cara amica che non busso più alla porta di Dio. Così questa sera busserò per te e busserò per me. Busserò per tutti quei cuori che cercano pace e vogliono, costi quel che costi, trovare e conoscere la verità. Eccoci davanti alla Sua porta. Busso tu o busso io ? E’ una magnifica porta d’acqua, che si lascia attraversare dalle nostre mani. Sento che attraversandola siamo lavati, puliti e riconciliati con noi stessi. Il primo luogo al quale accediamo è definito come la “Stanza delle Memorie”.

E’ buio  pesto, ci stiamo urtando l’una con l’altro.  Irrompe poi improvvisa una straordinaria luce e ci troviamo circondati da magnifici e splendenti Angeli di Luce. “Padre Divino che significa tutto questo?”.

“Figli miei per conoscere la Luce avete dovuto prima fare esperienza del buio.  Vostre sono le creazioni di quelle situazioni di dolore e sofferenza che vi hanno permesso di sperimentare il buio e la sofferenza dell’anima. Ma voi figli siete come Me. Può un figlio essere diverso dal Padre? No. Nell’essenza assolutamente no. Ma poiché ogni figlio è libero di scegliere il suo percorso per giungere alla consapevolezza della luce, egli può consapevolmente o inconsapevolmente compiere scelte dolorose, ma perfette per l’apprendimento della sua verità. Amato figlio questa sera porti davanti a me una madre addolorata, sofferente e nella grandezza del tuo amore puoi sentire il tuo e il suo dolore e cercare di lenirli entrambi. Sia benedetto ciò che fai, sia benedetto il tuo cuore. Come te quante anime si spendono, nel servizio del prossimo. Chi è allora il tuo prossimo? Ebbene sì anche lui è mio figlio, amato, amatissimo, pur nel dolore e nelle sofferenze che causa spaccando il suo cuore di madre. Che cosa puoi fare allora ? Solo amarlo. Non puoi scegliere per lui, non puoi sostituirti a lui. Sta solo a lui vivere il suo processo di crescita, qualsiasi sia la conseguenza che comporta. Oltre il velo la vita è eterna e tutto ritorna ciclicamente. Ciò che un’anima non apprende in questa occasione avrà modo di apprenderlo in un’altra. Ma tutto si evolverà sempre verso la crescita, la consapevolezza, il riconoscersi anche nell’autodistruzione. Figlia mia conosco le tue lacrime di madre, anche la mia piangeva ai miei piedi e ora è madre di consolazione e luce divina. Queste parole sono fluite verso di te questa sera affinché tu ti senta sostenuta nel tuo dolore e nella tua sofferenza. Sarò con te fino alla fine del tempo. Ti amo, grazie”.        

 

Giovedì, 31 Marzo 2016 19:18

IL PRETE NON MI HA ASSOLTO

Scritto da

Nel mio gruppo di Whatsapp... Caro gruppo voglio sottoporvi un quesito. Qualcuno di voi conosce o pratica il reiki? Ci sono benefici? E poi un’altra cosa secondo la dottrina cristiana tutte queste pratiche lo yoga a cui mi sono avvicinata da poco, il reiki, l’eft,  ecc. sono contro la Chiesa. Cosa ne pensate? Io vorrei fare il corso di reiki e poi credo che tutto dipenda dall' intenzione che si mette in ogni cosa se siamo tutti interconnessi bisogna solo augurare il bene a tutti e non ci può essere niente di malvagio in queste pratiche. Grazie a chi vorrà rispondermi. Naturalmente cari lettori non sono io a chiedere ma un’amica del gruppo. Così iniziano a fioccare le risposte.

Ecco la prima: “Io ho reiki e pratico Ho-oponopono Cristiano e come dici tu sono tutti strumenti d’amore che usiamo per il massimo bene”. Poi giunge la seconda risposta: “Ciao, anch’io ho reiki e pratico ho-oponopono. In tutti si lavora con l'amore incondizionato. Sono proprio strumenti d'amore”. In seguito giunge la terza risposta: “Ciao Io pratico Reiki. E’ una disciplina meravigliosa e per me è stato un dono. Consiste nel donare e ricevere luce e amore, quindi non è contrario alla fede cristiana. Le barriere sono solo mentali! Baci”.

prete 1

 

L’amica che ha posto la domanda chiede ancora: “Il fatto è che qualche anno fa nel 2013, andai con mia madre a Medjougorie e la guida che ci accompagnava fece tutta una storia perché a mia madre misi un magnete sul dente per il dolore e la guida cominciò a dire che sono pratiche che vengono dal demonio!! Lo yoga il reiki i fiori di Bach i tatuaggi, insomma tutto!! Da poco mi sono avvicinata alla meditazione e allo yoga e trovo benefici. Poi ho scoperto che la mia estetista ha il secondo livello di reiki. Ne abbiamo parlato e io vorrei conoscere la sua maestra e fare il corso: ho pensato ecco l’allieva è pronta e la maestra si è manifestata!!

Così giunge il chiarimento di un’altra amica: “Tutto ciò che non si conosce si giudica. La Chiesa (istituzione) in questo è stata ed è tutt'ora maestra. L'unico Vero Comandamento è Amare. Gesù ci ha insegnato questo, la nostra Madre Celeste ci ha insegnato questo, Dio stesso ci ha insegnato questo. Tutto il resto sono manipolazioni mentali atte a sottomettere le nostre debolezze. Le pratiche che facciamo sono espressione altissima di Puro Amore. Il Reiki dona Amore. Da quando lo pratico tutto intorno a me è diverso. Ho'oponopono è Amore. Amiamo noi per Amare gli altri. Questo è il segreto. Pensa quali sensi di colpa può aver avuto quella guida per usare un'espressione così catastrofica nei confronti di un piccolo magnete. Perdona e lascia andare”.

Il confronto si fa allora serrato con un nuovo intervento: “Beh, tutto questo cade a fagiolo per me. Proprio il giorno di Pasqua ero in Chiesa ad Assisi e durante la Messa ho deciso di confessarmi dopo molto tempo perché avevo il desiderio di fare la comunione. Premetto che secondo il mio pensiero non abbiamo bisogno di un parroco che ci assolva considerando che ognuno di noi può avere un contatto diretto con il nostro Dio, per cui credo che a noi basti essere sinceri con Lui. Però ho pensato di confessarmi perché quell’ atmosfera che regnava in quel momento mi ha portato a prendere quella decisione. Fatto sta che nel momento in cui abbiamo parlato e ho spiegato il perché non andavo tanto a messa (a me piace entrare in Chiesa e meditare in silenzio), raccontando me stessa dicendo che vedo amore in una pianta in un animale e che siamo tutti uniti, il parroco ha iniziato a dirmi che ero buddista, new age e tutto ciò andava contro la chiesa! Motivo per il quale mi ha lasciato uscire con una benedizione ma SENZA assoluzione!! e quindi senza poter fare la comunione. Sono rimasta malissimo !
Dopo un momento di riflessione interna, ho pensato che io la comunione la volevo fare per essere in comunione con Dio e per ricevere il suo amore. Per questo motivo ho fatto la comunione con serenità nel mio intimo. Sono sicura di aver fatto la cosa giusta e non mi sento in colpa. Mi sarei sentita in colpa se fossi andata a dire che ero pentita di non andare a Messa la domenica e a dire qualsiasi cosa pur di essere assolta. Dunque potevo mentire e poi Dio non ci giudica, chi è un parroco per fare questo???".

Grazie della  tua risposta cara … credo sia proprio così ! Mancanza di conoscenza! Come si fa a considerare demoniaca una pratica millenaria che arriva da un’altra civiltà ? Se partiamo che siamo tutti energia e tutto è amore non sbagliamo perché il comandamento di tutte le religioni è Amore! Ad …  dico mi spiace per il prete che ha incontrato, a questo punto puliamo anche per lui. Gesù non ha giudicato nessuno e ha perdonato tutti. Il mio pensiero è che purtroppo ci sono molte credenze da ripulire. In effetti io faccio fatica a definire me stessa perché non so di che religione sono. Abbraccio il pensiero di Gesù, di Buddha, Ho'oponopono e Louise Hay. Abbraccio ciò che mi fa stare bene e porta amore nella mia vita!

Idem per me cara ….!! Interviene un’ennesima amica. Se le nostre intenzioni sono positive e di bene non sentiamoci in colpa!

 

 

Ora parlo io, ovvero Nicola: “Grandi ragazze, sono proprio fiero di voi!”

Mercoledì, 30 Marzo 2016 09:37

IN CUCINA

Scritto da

Ciao Nicola, sono un’amica di… e lavoro come cuoca in un locale di fronte a casa sua. Proprio ieri sera mi ha parlato di te. Sono tantissimi anni che mi affido a tutto ciò che in qualche modo mi potrebbe fare bene e allo stesso tempo  dare delle risposte a tutti i miei problemi. Perché mi domando tutto il bello e il buono che una persona può desiderare non è per me? Ho preso il primo livello di reiki per aiutarmi soprattutto fisicamente dopo due interventi di carcinoma sulla corda vocale sinistra. Ho perso un figlio di 23 anni a causa della malasanità', nel 2001. Ho un altro figlio che ora ha 32 anni con una forte depressione, ma che non riconosce di avere, e quindi non si fa aiutare. Ora è fuori casa e non so dove si trovi, manca da 19 giorni, ma non è la prima volta. Ha due figli, è separato e senza lavoro. Insomma tutto un disastro. L'altro figlio di 30 anni anche lui problemi. Separato nello stesso periodo dell'altro, anche lui due figlie. Lui con problemi di tossicodipendenza da quando aveva 14 anni. Ora ha deciso per la comunità. Ho un’altra figlia di 17 anni. Preciso che ero sposata a 15 anni con il padre dei maschi. Venti anni di dura convivenza con il padre della femmina. Sono sola da due anni circa. Sto facendo di tutto per capire il disastro della mia famiglia comprese le costellazioni familiari. Ho letto i libri di Joe Vitale. Ho visto il film The secret, La profezia di Celestino, Nosso Lar, Ho’oponopono occidentale, orientale, ho letto anche Hamer la metamedicina e Luoise Hay. Poi ho conosciuto ancora tante altre pratiche che non sto qui ad elencare. Non ho ancora trovato la pace e la serenità che credo fermamente di meritare. Ah dimenticavo, ho recitato per circa un anno il mantra di ho’oponopono e tutto di male in peggio. Io che credo che qualcosa di positivo ci sia in serbo per me. Perché tarda ad arrivare??? Cosa devo ancora scontare??? Vorrei consigli e mantra da recitare per risolvere tutti questi problemi. Grazie di cuore.

 

cuoca1

Amica mia, quanta forza e quanto coraggio nelle tue parole. Racconti di te, di questo tuo straordinario viaggio che si chiama vita. Sai meglio di me che le incarnazioni più difficili e travagliate sono quelle dove la crescita è maggiore. Riconosciti il merito di tutto questo. Quale altra madre di fronte a figli problematici con tossicodipendenza, depressione e altre gravi problematiche continuerebbe a preoccuparsi per loro, e ad amarli incondizionatamente? Ti sento come un grande faro che illumina intere generazioni di figli e nipoti e nel preoccuparti per loro non ti accorgi della magnificenza della tua Luce. Mi chiedi dei consigli: continua, non mollare. Continua a fare tutto ciò che stai facendo ! Aggrappati al sorriso delle tue nipotine, aggrappati ad ogni raggio di Sole. Se vuoi sperimentare la via dell’Ho-oponopono e in particolare di quello Cristiano abbandonati al Cristo e al Suo immenso amore. L’Ho-oponopono è totale affidamento a Dio e in quello Cristiano, ci affidiamo anche al Cristo, nostro fratello maggiore. Abbiamo imparato a mettere nelle Sue mani le nostre preoccupazioni, anche quando diventano angosce. Nessuno è troppo distante da Dio o dal Cristo da non ricevere il Suo amore e il Suo conforto. I tuoi figli sono da Dio immensamente amati e così anche da Gesù. Gesù si sedeva a tavola con tutti, e più grandi erano i loro turbamenti, le loro percezioni limitate, più Lui li aveva a cuore. Non importa quale fosse il precetto religioso o di vita infranto, lo era stato prima da Gesù. Contro la religione costituita e sclerotizzata in falsi e dolorosi precetti Gesù porta un messaggio d’amore. Ricorda: più grande è il tuo peccato (ovvero la tua percezione limitata) più sei vicino al cuore di Dio. L’unica ricetta che posso darti per la tua cucina è quella di condire tutto, abbondantemente, con amore verso il tuo prossimo e verso te stessa. E’ una ricetta che spesso cucino anch’io. Tutti noi siamo con te nella stessa cucina, per imparare la stessa ricetta. Il risultato finale sai benissimo che è in proporzione al numero di volte che l’hai provata, che ognuno di noi l’ha provata. Non temere se qualche volta bruciamo la padella, se qualche volta ci capita di saltare il pasto, finché prepareremo la nostra tavola con amore, il nutrimento che sazia l’anima e il cuore non mancherà mai. Buona Vita !       

Venerdì, 25 Marzo 2016 08:21

SONO CRISTIANA

Scritto da

Grazie caro Nicola per aver accettato la mia amicizia. Domenica pomeriggio ho partecipato ad un seminario sulla meditazione Ho’oponopono. E’ stata una bellissima esperienza ma, essendo cristiana, mi sono chiesta quanto questa forma di meditazione fosse vicina alla ricerca del mio Dio, di Gesù Cristo. E così, facendo una ricerca su internet, ho trovato il tuo sito Ho'oponopono Cristiano da cui sono rimasta particolarmente affascinata. E' un momento importante ed evoluzione della mia vita, in cui è giunto il tempo di sciogliere i nodi del mio passato che mi impediscono di ricostruire una vita di coppia. Continuano a ripetersi gli stessi schemi ed io ne soffro tanto. Sono alla ricerca della Luce di Dio, desidero fortemente accogliere l'Amore di Dio nel mio cuore. Senza la sua Luce non posso andare da nessuna parte. Periodicamente si ripresentano le memorie del passato, devo cambiare casa, paura di affrontare nuove spese e storie che finiscono dopo qualche mese senza una ragione. Ora mi sento pronta a cambiare queste dinamiche e a sciogliere i nodi che condizionano la mia vita e quella dei miei cari. Ti seguirò attraverso i video che pubblichi su Youtube e continuerò a meditare anche se per il momento mi risulta difficile lasciarmi andare al 100%. Mi dispiace, Perdonami, Grazie, Ti Amo.

 

SONO CRISTIANA

Mercoledì, 23 Marzo 2016 16:57

LA CONSAPEVOLEZZA CRESCE

Scritto da

 

Care amiche ed amici lettori, condivido con voi due messaggi ricevuti e che hanno riempito il mio cuore d gioia. Si, scrivetemi tutte le cose belle che vi accadono, io riempirò il mio cuore di felicità !

 

Ciao Nicola, volevo condividere con te una cosa bella: ieri la ragazza che lavora con noi, appena arrivata, mi ha abbracciato e mi ha detto grazie, ti devo ringraziare poi più tardi ti spiego. Quando abbiamo avuto un attimo gli ho chiesto il motivo e lei mi ha detto: “Grazie per avermi parlato di Ho-oponopono , mi hai reso consapevole che quello che accade lo creo io. Ho imparato a chiedere e sto vedendo i risultati”. Sono felice Nicola ho mille cose in questo momento e non ho tanto tempo libero ma mi sono accorta che nella mia quotidianità riesco a fare qualcosa. Grazie Nicola, avevo piacere di dirtelo.

 

BIMBA 6

 

Buona sera Nicola, avevo bisogno di comunicare con qualcuno il mio sentimento attuale e ho pensato a te. A te che non poche volte sei stato il "recipiente" su cui ho scaricato le mie angosce. Adesso sento di scriverti altro. Stasera sono in una situazione di grande pace e serenità. Non perché sia successo qualcosa che abbia cambiato la mia vita (in realtà non è cambiato nulla, sono sempre qui sola in una casa in affitto ed i miei desideri sono ancora irrisolti) ma si c' è un grosso ma…  Ma sono immensamente grata al cielo perché in questa mia solitudine sto comprendendo tante cose e mi sto accorgendo del mio percorso fatto e della meraviglia che è stata la mia vita, il mio trascorso. Sono immensamente grata a questa meravigliosa casa che mi ha accolto e mi ha dato conforto, pace e armonia in ogni suo angolo e mi dà la possibilità di vivere con dignità questo periodo di transizione. Sono grata per gli amici sinceri che ho accanto. Sono grata a me stessa per tutto ciò che sono. Ho smesso di commiserarmi, non mi serve più. Non ho più bisogno di bastoni per camminare, ho me stessa per  poter aiutarmi ed anche aiutare. Adesso so che sono una pellegrina che fa il suo percorso. So che non sono sola perché Io Sono Tutto. Buona notte.

Domenica, 20 Marzo 2016 10:36

LE MIE CERTEZZE

Scritto da

Ciao Nicola, ti scrivo perché ho dei quesiti su cui ho bisogno di confrontarmi con qualcuno. 1) Non ho mai avuto un approccio diretto all' Ho-oponopono sebbene ne sia fortemente attratto per la sua semplicità e per il bisogno, che credo di avere, di liberarmi di qualcosa di pesante. Infatti sono bloccato da una vita o comunque sono più volte caduto in forti e pesanti impasse, come ora (anche se già scriverti è segno di movimento). Sai il non sapere dove andare, che fare della propria vita ed anche sentirsi bloccati nell'agire ? Volevo sapere se avevi consigli in proposito. 2) Sono cristiano, almeno ci provo.  Credo in Maria ci tengo tanto. Vorrei che mi raccontassi un pò della tua esperienza , ed esigenza, di far collimare Ho-oponopono e cristianesimo. Come possono coincidere un Dio esterno come nel cristianesimo e l'Ho-oponopono? Sento che possono, ma vorrei la tua risposta. 3) Vorrei sapere che ne pensi di tutte quelle tecniche energetiche dal reiki al riallineamento vertebrale, se secondo te son più pericolose che benefiche (a livello spirituale, posto che si dice pongano le loro basi in occultismo, spiritismo e tecniche magiche). Scusami per la lungaggine, so che è difficile parlare di queste cose tra sconosciuti, ma evidentemente qualcosa che hai scritto in passato mi è risuonata dentro e sento di parlarne con te. Ti chiedo solo franchezza. A presto!

 

reiki-pranic-healing

 

 

Amico mio franchezza vuoi e franchezza è. Chi chiede verità ottiene ciò che cerca  e non ci sono prezzi da pagare, ma solo un grande lavoro interiore, per mettere ogni cosa al giusto posto e soprattutto di accettazione. Mi chiedi di condividere la mia esperienza e così ora inizio. L’Ho-oponopono è entrato prepotentemente nella mia vita perché risuonava nel mio passato più antico, in vite trascorse in quelle splendide isole. Sapevo già di cosa si trattava. Per me era solo necessario integrarlo a questa vita, anche se saper vivere è un’arte che si affina vita dopo vita, apprendendo con ogni “transizione” ed a ogni ritorno ad amare di più.

 

L’Ho-oponopono è realmente qualcosa di estremamente semplice: è ripetere ciò che tutte le guide spirituali dell’umanità fin dalla notte dei tempi continuano a ripetere ad ogni uomo: “Cerca Dio dentro di TE e quando la avrai trovato ti accorgerai che Dio è AMORE”. Ogni altro colore o sfumatura di significato che vorrai attribuire a Dio sarà sempre una variazione dell’amore. Così quando parli di perdono, di riconciliazione, di gratitudine o di pace stai solo dicendo di voler amare e alla tua richiesta d’amore si inchina tutto l’universo.  Mi chiedi come conciliare l’Ho-oponopono e il Cristianesimo. Il pane abbinato alla ciccolata spalmabile, alla marmellata, all’olio di frantoio o ad ogni altro prodotto della terra acquista più sapore. Così i valori cristici se vissuti in uno stile di vita pono diventano i fiori che sbocciano nella tua anima. Amico mio permettimi ancora una volta di chiarire il significato che ha per me la parola CRISTIANO.

 

Per me non è cristiano il cattolico, protestante, evangelico, luterano, calvinista, ecc. , ma la persona che si impegna in ogni momento della sua vita a vivere nella gioia, e che fa del proprio meglio per costruire la propria vita su quei valori trasmessi dal Cristo e sui quali Morrnah Nalamaku Simeona ha edificato il suo Ho-oponopono moderno. Si tratta dunque del perdono da offrire, in primis, a se stessi poiché  è troppo facile perdonare gli altri e punirsi per una vita intera pensando di essere una persona “sporca” e non meritevole. E di tutte le infinità di variazioni su questo tema che portiamo dentro come macigni, possiamo ringraziare le nostre chiese. Ma questi vecchi e disumani insegnamenti hanno fatto il loro tempo, eliminiamoli dalle nostre vite e torniamo ai veri valori cristici. Perdonato me stesso sono FIGLIO DI DIO, fratello di Gesù, amato dal Padre che ama tutti indistintamente: il santo e il peccatore, il pio e l’eretico, il buono e il cattivo, il ricco e il povero.. Sediamoci a tavola con lebbrosi e prostitute, perché quella lebbra è nella nostra carne in ogni giudizio espresso che crea separazione. Ti ricordi amico caro quel bellissimo bacio di Francesco al lebbroso ? Quanto coraggio per  non voltarsi indietro e scappare a gambe levate. Quanto coraggio per mettersi nudo e dire di NO all’ipocrisia, al bigottismo, all’apparenza e a tutto ciò che toglie luce all’anima. Abbiamo una sola energia nel nostro corpo e questa energia è chiamata energia primaria o sessuale. Questa energia è divina, dona luce e splendore al corpo e all’anima. La sessualità libera da sensi di colpa, pesanti giudizi e falsa moralità, dà salute al cuore e al corpo. Credo che Gesù non abbia mai dato regole sulla vita sessuale. Se esistono forse sono state abilmente codificate da chi aveva interesse a controllare l’uomo e a renderlo schiavo di un peccato che non esiste. Amico mio forse se non sei felice è perché non indirizzi ancora ogni tuo pensiero verso Dio e verso la sua gioia, godendo pienamente di te stesso e di chi sei.

 

Anche la Madre Divina è madre proprio in virtù del suo partorire, di dare la vita alla vita e ogni nascita è un orgasmo di gioia. Ricordo ancora il giorno in cui è nato mio figlio, come padre è stato il giorno più bello della mia vita !!!

 

Veniamo ora  alle tecniche energetiche di cui parli, esse ancora una volta lavorano con l’energia divina. Moltissimi maestri e fra questi anche Gesù ci hanno insegnato a curare con le mani. E’ tempo che a queste cure sia dato il valore e il rispetto che meritano. Gesù curava gratuitamente, niente chemio o cure costosissime, l’unica cura era l’amore e infallibilmente guariva tutto. Caro amico continua la tua ricerca dentro di te, il Dio esterno del Cristianesimo va inteso, che dopo il tuo risveglio, potrai comprendere che per  ogni cosa che osservi, nell’essenza essa è divina. In questo senso potrai trovare un Dio esterno, ma di questo non potrai mai farne esperienza se prima dentro di te non avrai onorato e celebrato il Dio che tu stesso SEI.              

Mercoledì, 09 Marzo 2016 08:36

SINGLETUDINE O MAL D'AMORE !

Scritto da

Ciao Nicola,  grazie per avermi inserito nel tuo gruppo e per la pulizia del karma di questa settimana, che fa proprio al caso mio. Ti confesso però che alcune volte sono proprio scoraggiata. Pratico Ho’oponopono da un po', seguo la legge dell'attrazione e ho iniziato la meditazione ma la mia vita non cambia! Sono stanca della singletudine voglio un compagno al mio fianco, me lo merito. Ma intorno a me vedo il vuoto  e non riesco a dimenticare una persona. Come si fa quando hai un pensiero quasi ossessivo e vuoi toglierlo dalla tua testa e questo pensiero ha un nome? Poi un’altra domanda quando non posso essere presente alle 21 per la recita posso farlo prima o dopo con la stessa intenzione? Grazie, scusa.

 

SINGLETUDINE

 

Cara amica quanta tenerezza nel leggere le tue parole e com’è profondo il desiderio del tuo cuore di amare e lasciarsi amare. La strada che stai percorrendo è fatta di tante stazioni, tante tappe dove ad ognuna realizzi gli incontri della tua vita, e non ha importanza quanto valore essi abbiano. A volte sono fondamentali altre volte meno. Ma ad ogni incontro ricevi e dai, accumuli crediti e contrai debiti. Dunque per ognuno di noi ciò che conta realmente è quanta ricchezza abbiamo accumulato o all’opposto quanto siano pesanti i nostri debiti. E ora a che fermata, a che tappa della nostra vita siamo? Abbiamo crediti da riscuotere o ancora debiti da pagare ? Cara amica se hai ancora dei debiti da pagare la pulizia praticata incessantemente ridurrà progressivamente il tuo karma e la tua singletudine avrà fine. Ma c’è ancora una cosa da tener presente. Non potrai mai essere realmente felice, finché non avrai appreso a bastarti a te stessa. Chi basta a se stesso, prova l’estesi quando la persona che ama è presente nella sua vita e non un perde un grammo della sua felicità, quando chi ama non c’è. Dunque cara amica parti da dove ti trovi ora. Non riesci a dimenticare una persona, la ami ancora perché fondalmentalmente non ami te stessa e questo ti provoca dolore e sofferenza. Hai iniziato a percorrere la strada della meditazione, continua ! Ad ogni tua pratica di meditazione, di preghiera, di respiro, di servizio nei confronti del tuo prossimo stai pulendo ed estinguendo il tuo karma. Non voltarti indietro, procedi. Esplora il tuo Vuoto, lì dove sgorga la tua Sorgente Divina e scoprirai di essere pura ed immensa luce nella pienezza della gioia. Per la meditazione delle 21 falla quando puoi, oltre il velo spazio e tempo non esistono più.   

Sabato, 13 Febbraio 2016 07:09

CAMBIARE IL MIO PENSIERO

Scritto da

Salve Nicola, mi ha dato il suo nominativo un amico. Mi ci è voluto un po’ di tempo per decidermi a scriverle perché ho i miei tempi. Penso troppo al passato che mi ha distrutta, umiliata e sfiduciata. Così non vivo il mio presente e non riesco ad uscire da questa situazione . Ho ricevuto da tantissime persone consigli e pareri. Mi dicono di non mollare che mi sono vicine, ma è quando sono sola che vivo lo sconforto. La mia mente dimentica tutto, mi isolo  e distruggo quel poco di autostima che ho. Premetto che soffro di fibromialgia, malattia che prende anche la psiche, ma la mia forte depressione dipende anche da anni di eventi negativi e disastrosi, dal non avere una famiglia d’origine come punto di riferimento. 

 

Con mio marito siamo insieme da 27 anni. Lui ancora alza le mani per gelosia. Io non ho un lavoro e naturalmente nemmeno danaro per curarmi, ne qualcuno a cui affidarmi o che si prenda cura di me. Mi vedo come in un tunnel di vetro, dove rivivo la mia felicità e la mia solarità di un tempo. Poi osservo la mia vita di oggi come un fallimento completo. Rimango al mio posto di moglie perché non ho dove andare.  Mi do tutta la colpa del tentato suicidio di mio marito. Mi dicono che non ci sono risposte a tutte queste domande ma che esistono soluzioni.  La persona che mi ha invitato a scriverle sostiene che lei potrebbe aiutarmi se non  a cambiare quello che mi circonda, almeno a cambiare il mio pensiero. Grazie a scusi lo sfogo.

 

COLOMBA10

 

Cara amica, nella tua vita hai scelto un itinerario particolarmente intenso e per certi aspetti tosto, affrontando situazioni molto ardue e difficoltose. Che cosa la tua anima desideri apprendere in questo cammino è indubbiamente qualcosa di grande. Hai scelto come maestra la sofferenza e se ora sei pronta a cambiare vita dipende tutto da te. Più rimani in quei circuiti della mente, che riattivano incessantemente vecchi programmi di dolore e sofferenza, e più continuerai a sperimentarli. 

 

Ora però ti sei presa il tuo tempo, hai riflettuto e compreso l’insegnamento e sai che ciò che crei nasce dal tuo pensiero. Inizia a fare un reset di tutti, ma proprio tutti, i programmi che hai nella mente. Cancella sensi di colpa, errori, voci interiori, cancella quei copioni che ti vogliono sempre nel ruolo di protagonista come vittima di spietati carnefici. Sei tu che scrivi questi devastanti e apocalittici copioni e forse ti nutri anche della compassione e tristezza che susciti. Questo ti autorizza, ti conferma che quello è proprio il tuo ruolo. Potresti arrivare a vincere l’oscar dell’infelicità e poi che cosa ne avresti guadagnato se non ulteriore tristezza, sofferenza e sconforto. Pulisci tutto questo, facendo pulizia nella tua mente. Lancia un potente antivirus che metta in quarantena tutti i programmi infetti.

 

Inserisci nella tua memoria questo mantra: “Gesù pensaci Tu, mi affido a Te, ti amo, grazie”. Ripetilo incessantemente, sempre, ad ogni tuo respiro. Ad ogni tuo respiro, ad ogni tuo respiro. Accadranno incredibili, meravigliosi e silenziosi miracoli. La tua fede smuoverà qualcosa di più grande delle montagne. Lasciati semplicemente amare, ne sei degna. Ogni figlia è amata dal Padre allo stesso modo e riceve in egual maniera. Tutto ciò che è tuo spetta solo a te chiederlo, il Padre lo custodisce per te ! Grazie.   

Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Nessun dato verrà storicizzato in essi.

  Clicca su accetta per proseguire.