REIKI e HO-OPONOPONO

Una nuova amica mi scrive: “Da qualche tempo a questa parte ho ripreso una ricerca spirituale che nel tempo, per varie vicissitudini della vita, avevo interrotto. Ho sempre continuato a credere, ad avere fiducia in Dio e a rivolgermi a Lui. Ti vorrei chiedere un parere sul Reiki. Forse ne hai già parlato in qualche occasione, ti seguo da poco e non so. Per me è stato una delle strade che mi ha riavvicinato alla preghiera quotidiana. Ma leggo in rete pareri spaventosi e questa cosa mi ha fatto paura”.

Cara amica rispondo con piacere alla tua meravigliosa domanda. Tutte le culture di ogni popolo della terra hanno da sempre conosciuto questa forma di guarigione. Si tratta di una trasmissione d’amore nella sua più completa purezza. Uomini di ogni popolo sapevano curare attraverso l’imposizione delle mani, semplicemente connettendosi all’amore universale, ovvero alla Luce di Dio. Poi piano piano sono stati introdotti i simboli e si sono codificate le posizioni delle mani nelle varie parti del corpo. Fondalmentalmente questo dono d’amore è qualcosa che possiamo praticare tutti. Gesù ci ha ricordato come metterlo in pratica. Egli semplicemente imponeva le mani e chiedeva al Padre, a Dio. Ecco il fondamento del Reiki, ecco il fondamento dell’Ho’oponopono: totale affidamento a Dio e infinita gratitudine perché tutto ciò che viene chiesto è già stato concesso. Questa pratica cara amica ti riesce naturale, tant’è che nelle tue stesse parole scrivi: “Ho sempre continuato a credere, ad avere fiducia in Dio e a rivolgermi a Lui” e hai fatto benissimo, continua così !

reiki

Tempo fa risposi anche ad una carissima amica Master Reiki, che stimo e apprezzo profondamente. Ecco cosa mi chiese: “Ciao Nicola, da un po’ che volevo chiederti questo: io sono Master Reiki Universale, l’Ho’oponopono l’ho conosciuto due anni fa ed è entrato prorompente nella mia quotidianità. Non so come abbinarlo al Reiki. Quando medito non mi viene più da visualizzare i segni, ma solo il mantra di Ho’oponopono e vedo la luce di Dio. I Maestri e quant’altro non li sento più così vicini. Vedo solo quel bagliore di luce con spesso dentro l’ arcobaleno... Oppure tanti volti in sequenza mai visti di uomini, donne e bambini. Grazie Nicola, namasté”.

Così le risposi in questo modo: “Che gioia cara amica ricevere la tua domanda e poterla condividere. Molte persone vedono e sentono quello che vedi e senti tu, ma incredule non hanno il coraggio di dare la loro testimonianza. L’Ho’oponopono sta risvegliando molte consapevolezze alla luce e all’amore di Dio, in questo ritieniti fortunata, anzi fortunatissima. Il mio augurio per te è quello di goderti completamente tutto questo passaggio, questo cambiamento, questa trasmutazione, affinché ciò che diventa completamente chiaro in te, sia la piena consapevolezza della tua natura divina. In questo senso chiedi e ti sarà dato, sarai pienamente consapevole di Chi sei realmente e vivrai la tua esperienza di risveglio nell’amore. Grazie. Pace dell’IO”.

 

Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Nessun dato verrà storicizzato in essi.

  Clicca su accetta per proseguire.